Ostrica

Ostrica

L’ostrea, volgarmente detta ostrica, è un mollusco dal sapore pregiato noto per la sua capacità di produrre le perle non appena entra un granello di polvere nella conchiglia. Fin dai tempi antichi, l’ostrica è considerata uno dei cibi afrodisiaci per eccellenza per il suo gusto raffinato e peculiare, non per altro è la regina dei frutti di mare.
Descrizione scientifica: Ostrea Edulis

Caratteristiche fisiche
E’ un mollusco bivalve, ovvero è caratterizzato da un guscio diviso in due parti che prendono il nome di valve; su di esse sono impresse “lamelle squamose ondulatele”, infatti al tatto sono rugose, e costituiscono la conchiglia che generalmente ha una tipica forma tondeggiante. Le due valve sono tenute unite da un filamento proteico detto cerniera e sono disuguali tra loro, di fatto quella inferiore è più grande poiché contiene il mollusco ed è infossata in quella superiore. L’interno della conchiglia è liscio e di colore bianco, per lo più costituito da materiale madreperlesco. Il corpo del mollusco, invece, ha una forma tondeggiante ed i margini dei lembi risultano frangiati.

Habitat
Questa specie ittica vive sui fondali marini, quelli costieri del Mar Adriatico settentrionale; è in grado di vivere ancorata alle rocce fino ad una profondità di 40 metri, oppure appoggiata sul fango. Generalmente vivono in branco e vengono allevate per favorire la loro gustosità e raffinatezza. E’ la dedizione dell’allevatore che determinerà il sapore del prodotto finale, con pazienza e sentimento si occuperà del mollusco così da renderlo una vera e propria prelibatezza.

Proprità nutritive
La polpa dell’ostrica contiene una bassa composizione di grassi insaturi ma allo stesso tempo una gran quantità proteica che garantisce un favorevole apporto nutrizionale all’organismo. Contiene sali minerari, quali zinco, calcio ma principalmente ferro, e vitamine, in primo luogo quelle del gruppo B. Data la sua composizione di calcio, sono stati creati integratori nutrizionali, per lo più in America, al cui interno è stato inserito il calco estratto dalle ostriche.
In media, la porzione è di 6-8 ostriche a testa, ed ognuna contiene circa 5 kcal.
Essendo priva di glutine è consigliata nella dieta di individui affetti da celiachia, ma è sempre bene fare attenzione che quelle acquistate siano fresche oppure se congelate controllare che non ci siano ingredienti miscelati.
Vengono raccolte e servite tutto l’anno,principalmente da ottobre ad aprile. Quelle maggiormente pregiate hanno una forma allungata ed ad esse è associato un sapore deciso ma squisito. Quelle strette e lunghe, dalla forma concava, non sono così pregiate, infatti anche il loro prezzo è decisamente più basso.

Ricette di cucina
Al momento dell’acquisto è necessario che le valve siano ben serrate e che il mollusco sia vivo non appena si apre la conchiglia, e qualora si tocchi l’ostrica è bene che questa reagisca. Si tratta di una specie ittica pregiata che non conviene acquistarle sfuse, ci si potrebbe imbattere in molluschi proveniente da acque inquinate e ciò potrebbe provocare malesseri a livello intestinale. Sono molluschi estremamente delicati, per questo motivo è bene consumarli il prima possibile, in casi estremi è possibile conservarli in frigorifero non oltre un giorno.
Le ostriche sono considerate un alimento piuttosto digeribile, sia se ingerite crude sia se vengono cucinate. Servite preferibilmente come antipasto, crude, condite solamente con pepe ed una spruzzata di limone, è possibile apprezzare nei minimi dettagli il gusto e la delicatezza del mollusco.
Se servite crude è consigliato riporre in un piatto le ostriche accompagnate da fette di pane, bianco oppure integrale, sul quale siano spalmati riccioli di burro, il tutto unito grazie alle bollicine di champagne o spumante.
Qualora le si voglia cucinare, è bene assicurarsi che dopo un bollo di qualche minuto le valve si siano aperte, e così assaporare l’ostrica nel suo sapore originale; tuttavia può anche essere gratinata e passata al forno il tempo necessario affinché il mollusco si arricci.

  • Related Posts:

  • Come e dove acquistarlo?